22/08/2019

…Due mesi esatti senza di te, sembrano passati due giorni, sempre passata una vita…

Sai quando mi dicevi sempre: “stai dritta, stai dritta…” Ecco, in questa vacanza come per beffa del destino mi sono davvero resa conto di essere gobba. Sarà stato lo stress, sarà stata la tristezza, la completa caduta di autostima, ma la mia schiena ha seguito le sorti del mio cuore e s’è chiusa in se stessa. Cosi da alcuni giorni mi sto auto imponendo di stare dritta, quasi a dire al mondo… IO ci sono!.. nonostante tutto. È difficile correggere una postura così radicata. Avevi ragione su questo. Ma adesso ho deciso di indossare plantari, ho deciso davvero per una volta di seguire i consigli mai seguiti. A settembre andrò da un ortopedico e se sarà necessario metterò anche il busto! Ricomincerò piscina e VOGLIO andare anche palestra. Voglio davvero rimettermi in forma. E lo voglio far per me. Sono davvero arrabbiata se penso a tutte le volte in cui non ti ho ascoltato e a quanto io non sia riuscita a capire che tu volevi solo aiutarmi e non mortidicarmi. Tu mi volevi bene…tanto, ma hai anche un bel caratterino……io ti amo cosi tanto Luca… vorrei tanto rivederti. Oggi è l’ultimo giorno qui. Sono abbronzatissima. Sarebbe stato così bello fare un viaggio di mare io e te, e non l’abbiamo mai fatto! Ma chissà magari lo faremo… chi lo sa.

Stamattina siamo rimaste nella spiaggia dell’hotel e abbiamo passeggiato fino ai resti dell’ abbazia bizantina.

Dall’ altra parte dell’ abbazia c’è la spiaggia di un villaggio che un tempo era Club Med, poi abbandonato per diversi anni e da maggio 2019 riaperto da un’ altra catena di hotel. Ho guardato il video su YouTube di due turisti che sono andati a visitare il villaggio quando era abbandonato e mi è venuto in mente di quando a Salsomaggiore eravamo andati a cercare su internet tutti gli hotel abbandonati…se solo potessi tornare indietro.

Abbiamo pranzato in hotel, questa volta alla carte perche la mezza pensione era finita e poi abbiamo salutato tutti, abbiamo fatto amicizia con tutte le cameriere e il gestore e quindi ci hanno abbracciate… gli occhiali da sole sono stati vitali….

Ora siamo in aeroporto, l’aeroporto di Kos è minuscolo, ci si arriva in auto senza traffico su una strada normalissima e facilissima… abbiamo lasciato la macchina noleggiata qui, in un parcheggio, con dentro le chiavi! Nel quasi unico bar dell’ aeroporto fanno dolci e torte salate “home made”. Sembra di essere alla Mini Italia degli aeroporti.

È stato un viaggio bellissimo, inaspettato, regalato, con l’amica con cui ho sempre viaggiato e amo viaggiare. Sono fortunata, nonostante tutto. Nonostante i miei errori. Non ho avuto praticamente attacchi d’ ansia, quasi uno o due ma Martina mi ha calmata prima che sbocciassero. Ti ricordi in Irlanda?? “Can you feel my heart?” E dai, ammettilo che nella mia buffagine e nei miei disagi ti facevo divertire!

Intorno a noi mille famiglie, mamme giovani, meno giovani, belle, brutte. Di ogni nazionalità. Chissa se avrò mai una famiglia io. Ormai non ci penso, vivo e basta. Voglio fare del bene e voglio amare. Senza chiedere niente in cambio. Voglio essere grata alla vita perché, nonostante tutto, sono qui.

Si torna a casa. Durissima… senza di te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...