Poesie

Casa

Tu sei corrente calda in un torrente ghiacciato
Tu sei luce dorata in una serata d’estate
Tu sei vita, che si muove, tra le mie dita
Tu sei pace, sei quiete, quando tutto tace
Tu sei casa, sei rifugio, sei un caminetto acceso
Nei tuoi occhi trovo ristoro, quando sorridi, parlano loro,
Solo pensarti amore mio
Mi salva, da questo oblio.

Temporale

Chissà dove sei ora,
Ora che la notte trema al tuo cospetto,
Ora che il vento alita oscurità.
Chissà con chi sorridi,
Chissà con chi scherzi,
chissà di cosa si nutrono i tuoi pensieri.
È pur sempre insolente la presunzione che tu possa pensarmi,
ma è quasi certezza,
nel sentire il tuo cuore battere nel mio,
Come quel sesto senso delle madri o dei gemelli.
Quell’insolenza che solo chi ama ha,
quel potere soprannaturale che con la sola forza del sentimento fa vibrare due anime sulla stessa corda.
Sei tu, Luca,
la forza di questa musica,
altare di ogni vecchio giorno.
Sei tu Luca,
il temporale che sta arrivando,
senza ritorno.

Essenza

Passerà questo dolore
Come passano le nuvole
che si trasformano in pioggia,
Che si trasformano in alberi.
Cosi passeranno le mie lacrime,
Che diventeranno mare
E diventeranno pesci
Cosi passeranno le giornate,
Che diventeranno mesi,
Che diventeranno anni.
Cosi passerà l’angoscia,
Che diventerà coscienza.
Ma non chiedermi se passerai.
Non passerai.
Tu sei dentro di me
Sei parte di me
Io sono fatta della tua sostanza
No, tu non passerai.
Tu pioverai e nasceranno fiori,
I più belli mai esistiti
e io mi nutrirò del loro profumo,
Vivrò della tua essenza.

…geia mas!

Quando sento questa sensazione
Tutto sempre così semplice
Raggiungibile
Fattibile
Perché quando sento questo sensazione
È come se per magia tu fossi qui
Tutto sembra meno brutto
Tutto sembra risolto
Tutto è cosi morbido
Tutto è cosi rotondo
Tutto è cosi dolce
Le mie labbra sono così insensibili
Il mio corpo si muove sciolto
Le nuvole sono veloci
La luna è rossa
Si, Quando sento questa sensazione
Noi due siamo ancora insieme
tutto è così accessibile
come quando dormo
E come quando sogno
Quando sento questa sensazione…
Non voglio smettere, oh no, non voglio smettere

Mi manchi

Mi manchi, ed è difficile da spiegare, è un vuoto dentro che sa di sale, sono le tue ferite da leccare, è un incolmabile assenza delle tue belle spalle possenti, da abbracciare. Mi manca quando ti coricavi sul letto per riposarti e prendevi il telefono e incrociavi i piedi. Mi manca quando camminavi in quel tuo modo un po’ buffo da bulletto di paese, molleggiando sui fianchi. Mi manca quando mi mostravi video stupidi e ridevi, ridevi, e io ero felice quando ridevi. Ero felice quando ti si arricciavano gli occhi e diventavano piccolissimi e quando spuntavano quei dentoni. Ti amo… mi manchi e posso essere dall’altra parte del mondo ma sentirti qui, come un invisibile presenza impossibile da nascondere.

Ardo come t’amo

Ardo come t’amo
e se questo significa amarti allora amo il costante dolore che come un ago punge il dito e il sangue zampilla rosso, vivido, caldo.

Ardo come t’amo
e il mio cuore sussulta e freme e sogna e s’anima del più puro sentimento, della più pura agonia.

Ardo come t’amo,
come un bambino che non conosce fuoco e tocca la fiamma che alimenta il focolare della tua assenza.

Ardo come t’amo,
come una pianta che rinuncia all’acqua solo per specchiarsi nel fiume della tua infinita bellezza.

Ardo come t’amo,
come si ama la sofferenza quando ci si affeziona,
quando anch’essa diventa parte di noi.

Fotografia

Sento allontanarsi i nostri giorni
Sento allontanarsi i tuoi baci
Sento allontanarsi le tue mani morbide
Sento allontanarsi la tua presenza
Sento allontanarsi le nostre risate
Sento allontanarsi il tuo profumo,

come un palloncino quando prende il volo,
si rimpicciolisce piano piano, fino a diventare un puntino. E tu non puoi farci niente, sei impotente, puoi solo restare con le mani appese al cielo, e piangere, tra la gente, che ti guarda indifferente… sai a loro … non frega niente.

Ma per fortuna apri il borsello e dentro hai una fotografia che come un amuleto, ti dona un po’ di energia.
“Giuro non ti farò soffrire,
Portami con te nel tuo bagaglio,
mettimi in un cassetto, al riparo da ogni mio sbaglio.
Non chiedo molto, sono solo un ricordo.
un istante sigillato in un foglio.”
Perché nelle fotografie si ride
non c’ è sofferenza.
magari si vede che hai pianto
ma non si vede quanto…
Le foto mostrano solo il bello,
Per aiutarti quando hai un crollo
Per ricordarci che oltre il dolore,
siamo anime in cerca d’amore.

Nane nere

Buonanotte a te dolce anima solare,
Guarda alle stelle che abitano questo cielo, guardale bene!
Io vorrei potertele regalare,
Cosi che tu, esprimendo un desiderio possa rivolgerti a loro, come a qualcosa che già ti appartiene.

Vorrei che le stelle fossero ricordi di noi
e illuminassero le nostre sere,
Vorrei averle guardate col senno di poi,
e invece le ho trasformate in nane nere.

Ho perso la via Lattea Luca, mi sono smarrita
e vagherò per sempre in questo Universo,
senza via d’uscita.
Ho perso per sempre l’amore, della mia vita.
dal cuore

A-mare

Piove dal mio cuore,
con un rumore incessante.
Piove di notte e di giorno,
nell’anima e nella mente.
Piove di lacrime amare, di sale,
piove di rosso di sera e cicale.
Piove di albe meccaniche e sogni,
piove di aria di mare e lampare.
Piove di quello che sei e che eri
Piove di noi e dei giorni sinceri.
Ingoio il rimorso che offusca la via
Come la pioggia quando devi guidare
Come la vita che hai portato via…
Come le cose a cui ho tolto valore.
Sulla mia pelle le cicatrici,
Di cui purtroppo rimane il segno,
Delle mie lacrime traditrici
Anche stasera pago pegno.